lunedì 12 novembre 2018

Caruana-Carlsen, di nuovo Siciliana Rossolimo



Che vinca il migliore, dunque! Delle due patte d'esordio ormai sappiamo tutti, ora si sta giocando il terzo turno tra il campione del mondo Carlsen e lo sfidante Caruana. L'italoamericano ha nuovamente aperto e5, il norvegese ha nuovamente risposto c5 ed è seguita ancora una variante Rossolimo, con soluzioni però diverse dal primo turno. Segnalo il primo link qui sotto, che manda a una diretta in lingua italiana, che non è poco! Commenta Matteo Zoldan assieme a Nicolò Pasini, giocatori da duemilacento elo. Una seconda diretta.. tricolore l'assicura il Circolo pistoiese sul suo canale youtube Daviddol (vedi sempre qui sotto).



https://www.youtube.com/watch?v=uGZK4-BPFew

https://www.youtube.com/watch?v=IbObmbhbS88&feature=em-lbcastemail

https://worldchess.com/tournament/11/pairing/22370?event=5&tour=120

http://www.scacchierando.it/mondiale-2018/campionato-del-mondo-2018/

https://www.youtube.com/watch?v=9Of8WPsliRI&feature=em-uploademail

https://www.youtube.com/watch?v=5ovNS...

https://www.facebook.com/theworldchess/

giovedì 8 novembre 2018

Carlsen-Caruana, domani si comincia!!!

Si parte dunque, domani alle 16 comincia la lunga sfida per il titolo mondiale!! Il match Carlsen-Caruana ha vissuto oggi un prologo con la conferenza stampa dei due assi, seduti l'uno di fianco all'altro nel palazzo londinese dove si svolge la sfida da 1 milione di euro (600.000 al vincitore). La commentatrice principale sarà Judith Polgar, l'ex campionessa mondiale femminile che in carriera ha battuto 11 volte uomini che hanno avuto il titolo mondiale assoluto. Qui sotto qualche link utile per seguire l'evento:


La speciale medaglia per il vincitore


https://worldchess.com/tournament/11/pairing/22370?event=5&tour=120

http://www.scacchierando.it/mondiale-2018/campionato-del-mondo-2018/

https://www.youtube.com/watch?v=9Of8WPsliRI&feature=em-uploademail

https://www.youtube.com/watch?v=5ovNS...

https://www.facebook.com/theworldchess/


Berlino 2018, Magnus Carlsen vs Anand


Berlino 2018, Fabiano Caruana vs. Ding Liren

Berlino 2018, Caruana vince il torneo dei candidati alla sfida mondiale

martedì 6 novembre 2018

La serie B si gioca a metà marzo 2018

Il nostro circolo altogardesano sarà impegnato nel prossimo Campionato italiano a squadre di serie B e la notizia è che il torneo si svolgerà "one shot" in un raggruppamento che si svolgerà a metà di marzo 2019. Ci iscriviamo in questi giorni e stiamo pensando all'allestimento della squadra, con il "reclutamento" anzitutto dei nostri c.m. e dei migliori ragazzi. La speranza è che la candidatura di Verona come sede del raggruppamento vada in porto, così da prevedere per noi una trasferta breve e la possibilità di andare e venire in ognuna delle tre giornate di gioco. Per la cronaca, siamo l'unica squadra trentina di serie B, mentre l'Alto Adige schiera il Richter/Lasker Bolzano B. In serie A1 milita l'Ust Trento, in serie C giocheranno Ust B, Nettuno Gardolo e Naturno A.

Quanto al torneo sociale - alias Campionato altogardesano assoluto 2018/2019 - il nostro direttore Michele Cecchetto annuncia l'avvio giovedì 22 novembre prossimo. Turni un giovedì sì e uno no. Iscrizione 10 euro, da pagare prima del primo turno. Sistema svizzero, 7 turni da 60' + 10" di incremento a mossa. Ci si può preiscrivere sul gruppo Whattsapp Arco Scacchi. Sarà obbligatoria la tessera sociale, la cui quota 2019 è di 25 euro. Chi farà anche la tessera agonistica Fsi, pagherà 70 euro per entrambe le tessere.

lunedì 5 novembre 2018

Paltrinieri e Dallaglio sorridono a Caldaro



Bel torneo, quello organizzato da Gerhard Bertagnolli a Caldaro e conclusosi domenica dopo quattro giorni di silenziose e acerrime battaglie. Indubbiamente la location - la cantina Kaltern con il suo avvolto affrescato e le sue botti di rovere - attira e piace, si è disposti anche a mettere una maglia in più pur di giocare in questo ambiente così particolare. Venendo ai risultati, ecco una classifica molto corta, con quattro ex aequo e la vittoria in casa di Nicholas Paltrinieri. I giovani assi trentini si sono battuti bene: Seresin, Comai, Tonina, con la sfida diretta Seresin-Tonina vinta dal primo. Nel torneo B la spunta un giocatore di esperienza come il cm Dallaglio.




http://chess-results.com/tnr364220.aspx?lan=0&art=1&rd=6&flag=30

lunedì 29 ottobre 2018

Ecco l'app per trovare avversari dal vivo

Una curiosità: è nata una app che serve a rintracciare all'istante persone disposte a fare una partita a scacchi con te, dal vivo s'intende e non on line. Si chiama Mates! e chissà se prenderà piede....


https://mates.worldchess.com/

https://showcase.dropbox.com/s/Mates-gd1Ews0gIwMk25RkrIlts

Da giovedì il "Kaltern Trophy"

Sarà certamente un ottimo torneo anche quest'anno, il Kaltern-Trophy che Gerhard Bertagnolli organizza nella sua Caldaro, ambientandolo splendidamente tra le botti di rovere e sotto gli avvolti affrescati della cantina "Kellerei Kaltern". Tra i preiscritti trentini, spiccano per ora Seresin e Panjkovic nel torneo A e Dallaglio nel torneo B. Ecco i riferimenti on line:


(foto G.Bertagnolli)


http://www.chess.bertagnolli.com/Kaltern-Trophy/?fbclid=IwAR1iyCgnKN-v2V0XYOQM5Fldx6dZ9Ik1x2gcdh83SGwflwmFYCKCVNtbmvc

venerdì 26 ottobre 2018

Il Premio Wagmann: Molnar vince in 25 mosse

Il podio del festival, con Molnar terzo (foto S.Oltramari)
Invito a guardarsi questa partita, davvero molto estetica. Si è aggiudicata il premio Wagmann come più bella partita dell'intero 40° Festival Città di Arco appena conclusosi. Bela Molnar fa a pezzettino il gm russo Igor Naumkin, che abbandona dopo 25 mosse. Si parte con un'Indiana di donna e con il bianco che subito rinuncia all'arrocco e punta dritto sul fortino avversario, addensando i due alfieri e un cavallo. Uno scambio libera la colonna h e per il nero iniziano i tormenti.....




http://livechess24.com/Tournaments/40th_Int__Chess_Festival_Citt__di_Arco__Open_A;jsessionid=08AC866D9FDA0426A48FE83A532ACA31?round=7

mercoledì 24 ottobre 2018

Quarant'anni ad alta tensione

Per la 40.a edizione del Festival internazionale "Città di Arco", circolo altogardesano e comitato organizzatore di Cristina Pernici hanno pubblicato un libriccino, distribuito al torneo, che racconta questa lunga storia e riporta l'albo d'oro completo della manifestazione. Ecco il testo iniziale.



Fu per festeggiare il decennale di fondazione del circolo scacchistico altogardesano, che il presidente Umberto Zanin ebbe l'idea di allestire – nel magnifico Salone delle Feste del Casinò municipale, ampio e luminoso - una manifestazione agonistica di carattere internazionale. Già nel '74 Zanin aveva portato ad Arco il Campionato italiano assoluto semilampo, ora alzava significativamente il tiro.
Nell'ottobre 1975 si celebrò così il 1° Festival Scacchistico Internazionale "Città di Arco", sostenuto dalla Cassa Rurale cittadina. Il fondatore e presidente – che tale rimase fino al 1978 - aveva conosciuto qualche tempo prima l'arbitro Gino Piccinin (1911-1995), in occasione dell'ottimo torneo allora proposto da Madonna di Campiglio. Vi aveva partecipato su incitamento di Enzo Lucin, il candidato maestro allora direttore della filiale arcense della Cassa di Risparmio.
L'austero e serissimo Piccinin fu quindi ingaggiato per arbitrare il festival e per tanti anni continuò a dirigerlo con la sua indiscutibile autorevolezza e preparazione, riconosciute dal mondo scacchistico al punto da affidargli, nel 1981, la conduzione della sfida mondiale di Merano tra Karpov e Korchnoy.
Il torneo 1975 fu vinto dallo svizzero Heinrich Tanner davanti a Elio Romani di Lecco e Franco Trabattoni di Seregno. Ai piedi del podio s'infilò il maestro trentino Umberto Masera, per tanti anni eccellenza dello scacchismo provinciale. Ospite d'onore della manifestazione fu l'unico grande maestro allora esistente in Italia, Sergio Mariotti. Anche il circolo si prese qualche soddisfazione, con Zanin 4° tra le III nazionali e i giovani Cis e Cuniali promossi alla stessa categoria.
A lavorare tra le file del circolo organizzatore c'era allora un direttivo forte di appassionati come il dirigente d'azienda Casentini, il medico anestesista Giuliano Fambri, l'insegnante Giovanni Cis, l'altro dirigente d'azienda Marco Santoni, il fotografo Arlunno, i ledrensi Lutterotti ed Eugenio Cuniali.
La manifestazione prese subito piede e notorietà. Per anni la formula del festival fu quella dei tornei separati per le tre categorie nazionali (terza, seconda, prima) e per la categoria magistrale. Tutti si giocavano la possibilità di guadagnare sul campo la promozione alla categoria superiore, raggiungendo una determinata soglia di punteggio. Il risultato "ottico" era che le diverse zone del salone identificavano nettamente il livello dei giocatori, con posto d'onore naturalmente per quelli più forti, subito sotto il palco arbitrale.
Nel 1978 – III edizione, con la presidenza del circolo organizzatore rilevata da Gianni Casentini - la vittoria arrise al francese Alex Casa, maestro internazionale nella composizione di problemi scacchistici. L'anno dopo arrivò quella che rimane l'unica vittoria trentina, siglata da Stefano de Eccher davanti a Daniele Taruffi e al tedesco Wolfgang Gufler. L'avvocato trentino (maestro Fide) inanellò da allora molte altre prestazioni di primissimo piano, rappresentando davvero la punta d'eccellenza del movimento provinciale.
Nel 1980 fu comunque un altro asso trentino, Stefano Moncher, a salire sul podio, terzo dietro Taruffi e Braga.
Ad Arco vennero negli anni figure scacchistiche davvero di grande rilievo. Lev Alburt per esempio, che si aggiudicò il torneo 1981 e che in carriera è stato per tre volte campione statunitense. Poi il gm argentino di origine austriaca, Erich Eliskases, che vinse due medaglie d'oro alle Olimpiadi di scacchi, riuscì a vincere in carriera contro Fischer, Euwe e Capablanca e fu il secondo di Alechin nel vincente match per il titolo mondiale contro Euwe.
Nel 1982 e 1983 la federazione scacchistica assegnò ad Arco il Campionato italiano assoluto, che si svolse in concomitanza col Festival, che quell'anno contò ben 144 concorrenti, dei quali 34 nella sola categoria magistrale. Vinse il norvegese Tor Kristiansen davanti a Slobodan Kovacevic e a de Eccher. Quanto al torneo tricolore, la prima edizione arcense vide la vittoria del m.i. milanese Bela Toth, davanti al napoletano Mario Cocozza e al romano Mario Sibilio; l'edizione successiva segnò invece il trionfo di Stefano Tatai da Roma, dopo che l'anno precedente aveva abbandonato polemicamente la gara in corso. Con lui sul podio salirono ancora Cocozza e il cagliaritano Gianlazzaro Sanna. Toth e Tatai – ça va sans dire - sono due autentici assi dello scacchismo italiano, il secondo (scomparso nel 2017) accumulerà addirittura dodici titoli nazionali, record insuperato.
Ad arricchire il ventaglio di manifestazioni scacchistiche arcensi arrivarono ben quattro edizioni dei Campionati italiani di categoria seniores: nel 1982 (1° Enrico Paoli, 2° Alfred Rubinstein, 3° Elio Romani), nel 1989 (1° Umberto Masera, 2 ° Antonio Magrin, 3° Paolo Milin), nel 1990 (1° Bruno Milanesi, 2° Enzo Lucin, 3° Alfred Rubinstein) e poi in tempi ben più recenti nel 2013 (vittoria di Giuseppe Valenti).
Il festival intanto proseguiva per la sua strada, sempre organizzato dal circolo locale, alla cui presidenza – dopo Casentini – si succedettero Giovanni Turrini e poi Giampaolo Amato. Ci fu quindi un momento di grave difficoltà del club, tant'è che servì una sorta di rifondazione, con nuovo direttivo presieduto da Renato Rigo, cui seguirono Ruggero Bonisolli, Marco Rigo e Andrea Nodari,
Il festival scacchistico stesso visse per un certo periodo delle notevoli difficoltà, tant'è che saltarono le edizioni degli anni 1988, 1990, 1994 e 1995. Furono anni altalenanti per lo scacchismo altogardesano, non senza momenti positivi: nel 1993 il presidente Nodari mise in campo addirittura due Festival Internazionali, spostando la sede di gioco presso l’Hotel Villa delle Rose di Arco. La XVII edizione vide sul
podio il m.i. bosniaco Sahbaz Nurkic seguito dai croati Milan Mrdja e Rikard
Medancic (grande amico di Arco e del suo torneo).
Se però il cuore del festival riprese a battere chiudendo definitivamente la fase delle incertezze e delle edizioni saltate, si deve in particolare al fatto che Cristina Pernici, arbitro internazionale e residente ad Arco, ne rilevò personalmente l'organizzazione dal 1996, fondando un apposito Comitato Manifestazioni Scacchistiche, del tutto autonomo dal circolo cittadino.
Cristina bruciò le tappe e nel 2001 fu riconosciuta come Organizzatrice Internazionale FIDE: la prima in Italia, seguita poi da Scalfi, Garrett, Zoldan e Pedini.
Nel suo bouquet di tornei, il Festival non rimase isolato: riuscì infatti a portare ad Arco ben 3 Campionati Mondiali Seniores (edizioni 2001 - 2009 - 2010) e poi altri due li organizzò ad Acqui Terme nel 2015 e 2017 (perché Arco non aveva fondi sufficienti per sostenere due grossi eventi come Festival e Mondiale).
Nel 2001 si toccò il record di presenze al Casinò: 180 per il torneo internazionale, altri 180 per il campionato degli over 60! Una curiosità: nel 2004 e solo per quell'edizione, il Festival si trasferì al Palace Hotel Città, poco lontano dal Casinò stesso.
I momenti gloriosi della manifestazione furono molti altri, come quando – nel 2005 – al torneo s'iscrive e gioca un certo Fabiano Caruana, due anni prima di diventare grande maestro alla verdissima età di 14 anni, 11 mesi e 20 giorni. "Faboulous Fab" si piazza 14°, con 6 punti su 9 partite. In quella stessa edizione era atteso al Casinò di Arco anche tale... Magnus Carlsen e soltanto un banale malanno di stagione impedì al nostro torneo di iscrivere nell'albo d'oro pure il futuro campionissimo del mondo!
Un altro pezzo di storia è legata poi al nome del maestro Fide statunitense Stuart Wagman, che giocò ad Arco dal 1997 al 2006 e che se n'è andato nel novembre 2007. Dall'anno successivo è stato istituito in suo onore il "Premio Wagman" per la partita più bella.
Il festival è diventato davvero il percorso di tante belle storie sportive e umane. Tante nazionalità, tante lingue e culture unite ad Arco dalla passione per gli scacchi.
Se Austria, Germania, Russia e paesi slavi sono le provenienze più frequenti dei giocatori, va detto però che lungo le quaranta edizioni la nostra città ha stretto rapporti scacchistici davvero con tutto il pianeta: nel 2009 è arrivato anche un gruppo di giocatori dal Ghana, nel 2014 un altro drappello di giocatori dal Kuwait. Molte le origini davvero lontane ed "esotiche": Malawi, Mongolia, Oman, Nuova Zelanda, Malesia, Isole Faroe, Aruba, Botswana, Panama. E la storia non finisce qui, attendiamo magari un birmano o un esquimese...
􀁗

domenica 21 ottobre 2018

Lizak, il 40° Festival è ungherese

E' Peter Lizak il vincitore del 40° Festival scacchistico internazionale Città di Arco. Ungherese, 27 anni, maestro internazionale, il giovane campione era in testa già da ieri e oggi si è avvantaggiato di un ultimo turno in cui tutti i big hanno solamente pattato. Vince dunque Lizalùk davanti a Bela Molnar e Jaime Latasa Santos, con il favorito gm ucraino Nikita Petrov, che pure sembrava in grande forma, costretto alla medaglia di legno in un torneo che si conferma di grande spessore tecnico.


Il nostro Marco Lezzerini 

A destra il vincitore Peter Lizak 

Il roveretano Zucchelli (a sin.)

Torneo B, ci prendiamo tutto il podio!!

A destra Arifi (1°), in secondo piano a sin. Mohamed (3°) e in fondo a destra Filippo (2°)


Wow! Il nostro circolo altogardesano chiude alla grande il torneo B del 40° Festival scacchistico al Casinò: tutte tre le piazze del podio vanno a nostri giocatori, con la soddisfazione ulteriore che i primi due sono il prodotto del nostro "vivaio". L'ultimo turno di questa mattina non è andato bene, ma il vantaggio accumulato consente ad Arifi Krenar di vincere, come ci era capitato negli ultimi anni solo con Manuel Calcari. Secondo Filippo Lombardo, terzo Mohamed Ben Alì, che oggi ha perso partita e occasione di svettare in cima alla classifica. Altra notizia splendida: Arifi balza direttamente alla seconda nazionale, grazie a un incremento Elo di 139 punti in un sol colpo!



venerdì 19 ottobre 2018

Nel torneo B tre gardesani in testa

Ma parliamo anche del torneo B, per segnalare che nelle prime due scacchiere oggi giocano ben tre scacchisti del nostro circolo, segnale di splendida vitalità del nostro club. Mohamed Ben Dia è al comando con 4,5 punti, seguono Arifi Krenar a 4 e Filippo Lombardo a 3,5. Nel pomeriggio Filippo e Mohamed sono uno contro l'altro armati. Buona gara!

http://chess-results.com/tnr366332.aspx?lan=16&art=2&rd=6&flag=30

Ressa in vetta al Festival numero 40



E' una battaglia serratissima, quella al vertice del 40° Festival internazionale in corso da sabato scorso al Casinò di Arco. A quota 5 su 6 ci sono ben 5 giocatori: i gm Petrov, Horvath, Santos, il maestro internazionale Lizak e un Alessio De Santis in grande spolvero, impegnato a dimostrare con i fatti che le sue elaborazioni teoriche in tema di difesa ippopotamo (versione ampliata e adattata) regge benissimo anche con avversari di alto livello. Spettacolare, va detto, il gioco in particolare del russo Petrov, che ha risolto diverse partite con combinazioni dirompenti e molto estetiche.
Nella truppa a quota 4,5 viaggiano tra gli altri il primo senior over-65 - il gm ucraino Romanishin - e anche, udite udite, il nostro asso arcense Marco Lezzerini, che sta inanellando maiuscole prove con avversari di elo ben superiore. In questo momento Marco è primo dei regionali e precede Zucchelli (4 p.) e De Eccher (3,5).

I RISULTATI
http://chess-results.com/tnr366331.aspx?lan=16&art=2&rd=7&flag=30

LA DIRETTA DEI MIGLIORI
http://livechess24.com/Tournaments/40th_Int__Chess_Festival_Citt__di_Arco__Open_A?round=7

martedì 16 ottobre 2018

Romanishin-show ieri sera al Palace Hotel


L'annunciata simultanea del grande maestro ucraino Oleg Romanishin ha sottolineato, ieri sera al Palace Hotel di Arco, il traguardo delle 40 edizioni, felicemente raggiunto dal Festival scacchistico internazionale Città di Arco. Particolarmente gradita la presenza e addirittura la partecipazione in campo del primo presidente del circolo scacchistico, Umberto Zanin, che nel lontano 1975 diede vita alla manifestazione tuttora in ottima salute. Il past president ha compiuto 90 anni l'1 ottobre scorso e ieri s'è preso il lusso di combattere per due ore con il grande giocatore ex sovietico, risultando uno tra gli ultimi ad alzare bandiera bianca. Per la cronaca, dodici le scacchiere e il solo Franco Galas che ha avuto l'onore di ricevere dal grande maestro la proposta di patta in pieno medio gioco, offerta naturalmente accettata all'istante dal nostro giocatore. Per tutti gli altri, onorevoli sconfitte. Il roveretano Danilo Dai Campi ha rappresentato il club lagarino, ma si sono schierati anche giocatori stranieri impegnati nel festival. Con l'occasione, è iniziata la distribuzione del libriccino che circolo altogardesano e comitato manifestazioni scacchistiche hanno realizzato in collaborazione, per raccontare le 40 edizioni festivaliere, con albo d'oro e curiosità. Cristina Pernici e Luca Zanin l'hanno appunto consegnato ieri sera ai presenti, concludendo poi la serata con una bottiglia di spumante e un brindisi. 



Il gm Oleg Romanishin protagonista della serata



Qui e sopra, Umberto Zanin impegnato nell'incontro con il campione

lunedì 15 ottobre 2018

Festival 40, Lezzerini in prima scacchiera!!


Una truppa di 141 giocatori si contende da sabato pomeriggio l'edizione numero 40 del Festival scacchistico internazionale Città di Arco. Ieri è accaduto un fatto nel suo piccolo senza precedenti: un arcense in prima scacchiera!! Marco Lezzerini infatti, dopo aver vinto il primo turno ha avuto l'onore di incrociare le armi con il n° 1 del torneo, il grande maestro Nikita Petrov. Ecco la partita, risolta dal campione con un'accelerazione micidiale che ha letteralmente soffocato il re bianco del nostro più forte giocatore di club. Ma per Marco il torneo è appena alle prime battute...

https://tinyurl.com/ydboqnpy

venerdì 12 ottobre 2018

40°: lunedì la simultanea con il gm Romanishin

Quarant'anni di festival vanno festeggiati!! La manifestazione scacchistica internazionale che scatta domani al Casinò di Arco è l'edizione n. 40, cui si arriva sommando i tornei organizzati dal circolo altogardesano e quelli poi allestiti in proprio dal comitato di Cristina Pernici, tuttora al timone del festival "Città di Arco". L'iniziativa che si propone è una

PARTITA SIMULTANEA 
del grande maestro ucraino
OLEG ROMANISHIN

Oleg Romanishin in un incontro-lezione ad Arco

lunedì 15 ottobre 2018
ad ore 20.30
presso l'HOTEL PALACE di Arco

Le iscrizioni sono aperte fino a 25 giocatori, telefonare al 335482746


Chi è Oleg Romanishin?

Ucraino, 66 anni, maestro internazionale (e campione europeo juniores) a 21 anni, 2° al Campionato russo nel 1975 dietro Petrosian, grande maestro dal 1976. Nella nazionale russa e poi in quella ucraina alle Olimpiadi, ha vinto numerosi tornei internazionali, lottando con i migliori scacchisti del mondo. Porta il suo nome la variante 4.g3 dell’apertura Nimzoindiana, da lui rilanciata nel 1970. Oggi vanta un Elo Fide di 2443 punti, ma in carriera è salito fino a 2615.


martedì 9 ottobre 2018

Il "Città di Arco" all'edizione n. 40!!!

Il Festival internazionale "Città di Arco" che scatta sabato prossimo al Casinò municipale di Arco sarà il quarantesimo di una storia decisamente nobile e importante. Mentre si susseguono le preiscrizioni - che sono già 134 per il torneo A e 23 per il torneo B - preannunciamo che il Circolo asd scacchi Arco Alto Garda, iniziatore di questa manifestazione, e il Comitato manifestazione scacchistiche di Cristina Pernici, che da anni organizza in proprio l'evento, festeggeranno questo traguardo davvero ragguardevole. Ci sarà in particolare una partita simultanea con il grande maestro Oleg Romanishin, aperta a chi volesse cimentarsi contro l'ex campione russo. Verrà inoltre diffuso un pieghevole con un excursus storico relativo alle 40 edizioni del torneo.
Seguiranno presto tutti i dettagli del caso.

La prima edizione del torneo internazionale


Il g.m. ucraino Oleg Romanishin


http://chess-results.com/tnr366331.aspx?lan=16

Torneo week end Fide a Gardolo

Un bel torneo week end a variazione Elo, da giocare senza sobbarcarsi lunghe trasferte. 

          E' quanto offre il ciclo Nettuno di Gardolo, che invita tutti a partecipare. Ecco il bando.


Venerdì-domenica 9-11 novembre 2018

Ammissioni: La manifestazione comprende un unico torneo valido per le variazioni ELO FSI/FIDE. 

Tempo di riflessione: 90’ + 30” a mossa per giocatore ; il ritardo di 60’ alla sessione di gioco implica la perdita della partita.

Sede di gioco: Circolo NETTUNO – via Soprasasso 1 – GARDOLO/TRENTO.
Capienza massima: 32 giocatori

Pre-iscrizione obbligatoria entro giovedì 8 NOVEMBRE ore 20,00 , telefonando al 3388739195 - Le preiscrizioni verranno chiuse al raggiungimento di 32 giocatori (capienza massima della sede di gioco) – Iscrizioni successive verranno accolte limitatamente a posti ancora disponibili e in rigoroso ordine cronologico.

Contributo organizzativo: € 40 (Soci Circolo Nettuno e categorie Under 18 e femminile € 30)

Rimborsi spese:

1° classificato assoluto: € 100

2° classificato assoluto: € 80

3° classificato assoluto: € 60

1° classificato fascia ELO 1500-1800: € 40

1° classificato fascia ELO <1499 : € 40

I rimborsi spese di fascia saranno corrisposti se saranno presenti almeno 3 giocatori nella fascia.

Spareggi : FIDE Buchholz CUT 1 / FIDE-Buchholz total – A.R.O.

Calendario partite:

Venerdì 9 novembre ore 17.00 controllo presenze

Venerdì 9 novembre ore 17.30 1° turno

Sabato 10 novembre ore 9.30 2° turno

Sabato 10 novembre ore 15.00 3° turno

Domenica 11 novembre ore 9.00 4° turno

Domenica 11 novembre ore 14.30 5° turno – a seguire (ore 18.30 circa) remiazione

Per ulteriori informazioni : Ginevrini Italo Vittorio – tel. 3388739195 – mail : ginevrinitalo@inwind.it



x

lunedì 8 ottobre 2018

Triangolare circoli, Arco chiude in testa!


Detto, fatto. I tre circoli Nettuno Gardolo, Arco Alto Garda e Csr Rovereto hanno messo in cantiere tre appuntamenti nelle rispettive sedi, con quattro scacchiere per un torneo interclub pensato soprattutto per attivare i rapporti e la conoscenza reciproca. A rompere il ghiaccio è stato il circolo trentino di Silvano Bortolotti, che sabato ha ospitato la squadra lagarina guidata dal presidente Gianluca Bottesi e quella arcense allestita dal presidente Luca Zanin. Per la cronaca, ottima prestazione degli altogardesani, che hanno messo in campo tra l'altro due valenti under 18. Ecco risultati e classifica, in attesa di definire il prossimo incontro, a Rovereto.







Risultati prima partita. 


Buglisi (G) Rigo (A) 1-0 

Lombardo (A) Taufer (G) 1-0 

Mora (A) Panikovic (R) ½ ½ 

Bottesi (R) Arifi (A) 0-1

Zucchelli (R) Ciola (G) 1-0

Bortolotti (G) Borzacchini (R) 1-0 


Risultati seconda partita.

Panikovic (R) Buglisi (G) 1-0

Taufer (G) Bottesi (R) 1-0

Ciola (G) Mora(A) 0-1

Arifi (A) Bortolotti(G) 1-0

Rigo (A) Zucchelli (R) 0-1

Borzacchini (R) Lombardo (A) 0-1



C L A S S I F I C A


Arco punti 5 ½

Rovereto punti 3 ½

Gardolo punti 3